Ok Questo negozio utilizza i cookie e altre tecnologie in modo che possiamo migliorare la tua esperienza sul nostro sito. Informazioni

PROPAGAZIONE

La propagazione più diffusa in Italia è per via gamica, cioè per seme. Il seme utilizzato è quello delle varietà a mandorle amare, perché sembrano dotati di una maggiore rusticità e resistenza, anche se recenti ricerche non hanno messo in evidenza sostanziali differenze con quelle derivanti da mandorle dolci. Piuttosto le mandorle amare possono risultare meno appetibili a ratti e ad altri roditori durante il periodo di semina.

Il mandorlo è una pianta prevalentemente allogama, pertanto non replica i caratteri della pianta madre e produce piante eterogenee, è quindi indispensabile l’innesto.
La propagazione agamica per talea è meno praticata , anche se in vivaio sono molto diffuse le talee innestate che permettono un accorciamento della fase improduttiva. In questo caso il portainnesto più utilizzato è il GF 677 (Pesco x Mandorlo), che risulta essere affine, vigoroso, resistente al calcare, idoneo ai reimpianti, ma poco resistente alla siccità e meno rustico rispetto al franco.

L’innesto viene effettuato a circa un anno dalla semina, e quelli più utilizzati sono a spacco, a corona, a gemma ed a zufolo.
La forma di allevamento più utilizzata per il mandorlo è il vaso a 3-4 branche, ad impalcatura media (80-100 cm da terra). E’ sconsigliabile un’altezza da terra più bassa per lo svolgimento delle normali pratiche colturali e della raccolta meccanica per scuotimento. Il sesto d’impianto consigliato è di 6x6 o 6x5 metri.

La raccolta si effettua tra la metà di agosto e i primi di ottobre . Il periodo di raccolta varia in base alle varietà che possono essere a maturazione precoce, media o tardiva, e delle condizioni ambientali. Nella maggior parte dei casi la raccolta avviene manualmente posizionando alla base della pianta dei teli e scuotendo le branche tramite pertiche (bacchiatura). Esistono delle macchine che facilitano la raccolta ma sono poco utilizzate soprattutto nelle piccole aziende.